Come aprire una Ltd

E’ ormai risaputo che un numero crescente di aziende italiane sta chiudendo. Secondo fonti attendibili chiudono circa 1.600 imprese italiane al giorno!

Perché le imprese chiudono in Italia? E perché gli imprenditori italiani decidono di votare coi propri piedi e andarsene dall’Italia? Lo stesso imprenditore italiano che chiude la sua impresa in Italia decide di costituirne una all’estero. Sulla base di dati statistici, gli imprenditori italiani prediligono la costituzione di un’impresa nel Regno Unito.

Il Regno Unito è un membro chiave del Gruppo dei 7 Paesi più industrializzati (G7) ed è anche membro dell’Unione Europea. La sua valuta è la sterlina inglese e non ci sono attualmente progetti per aderire all’euro. Il Regno Unito ha eccellenti telecomunicazioni, in cui è ampiamente diffuso l’uso del telefono fisso, cellulare ed internet. Il Paese ha un’estesa rete stradale e ferroviaria, includendo collegamenti con treno ad alta velocità per l’Europa, passando dal Tunnel della Manica. Treni da Londra raggiungono Parigi, Lille, Calais e Bruxelles. Ci sono anche importanti aeroporti in Regno Unito, come il London Heathrow che è il più frequentato al mondo, in termini di numero di passeggeri. Altri aeroporti che servono Londra sono il Gatwick, Luton, Stansted e London City. Il Regno Unito ha anche diversi porti per container, tra questi il Felixstowe (che è il più grande), Liverpool, London e Southampton. Il porto di Dover è un essenziale collegamento per traghetti con l’Europa, in termini di trasporto passeggeri e merci.
Il settore bancario è importante per l’economia del Regno Unito, con i principali gruppi bancari come HSBC, Barclays, Lloyds e Royal Bank of Scotland. Lloyd’s di Londra è il più grande fornitore di servizi assicurativi a livello mondiale. La City di Londra è anche la sede di grandi gruppi bancari nazionali, esteri ed internazionali, di gruppi assicurativi, studi legali e società finanziarie. Nella City vi sono anche filiali di banche italiane tra cui Unicredit ed Intesa San Paolo.

La forma societaria più diffusa in Regno Unito (circa il 95% delle società costituite) è la Private Limited Liability Company. Il nome della società è seguito dal suffisso “Limited” o “Ltd”, e talvolta è comunemente detta “Limited Company”. La “Limited Company” è una persona giuridica pertanto è separata legalmente dai suoi soci (molto simile alla tradizionale Srl italiana).

Una Private Limited Liability Company deve avere almeno un direttore (che può essere anche socio) e può avere uno o più soci. Almeno un direttore deve essere una persona fisica. Il “company secretary” che solitamente si occupa di adempimenti amministrativi nella società, può essere nominato.

I soci possono essere residenti fuori dal Regno Unito, e possono essere persone fisiche o altre società (persone giuridiche). Le quote della società non possono essere offerte al pubblico e né una Private Limited Liability Company può essere quotata sul mercato azionario. Capitale sociale irrisorio pari a 0,01 euro.

Le società con profitti fino a 300.000 sterline inglesi beneficiano della più bassa aliquota fiscale che è il 20%. Aliquote fiscali tendono a crescere marginalmente fino a 1.500.000 sterline inglesi, in cui l’aliquota più alta è il 24%, ma sarà ridotta al 21% entro il 2015.

Dall’Aprile 2010, le imprese che conseguono un profitto derivante da brevetti registrati in Regno Unito beneficiano di un’aliquota fiscale del 10%. Le società holding beneficiano dell’esenzione fiscale per i capital gains sulla vendita di azioni di una controllata, se la prima detiene almeno il 10% del capitale sociale della controllata ed ha detenuto le quote per almeno 12 mesi.
L’imposta societaria è calcolata sul reddito d’esercizio della società.
Le spese ordinarie della società sono deducibili e sono previsti crediti fiscali, come nelle spese di ricerca e sviluppo, ammortamenti. Le perdite d’esercizio possono essere portate a nuovo indefinitamente.

Le imprese devono richiedere la partita IVA quando il fatturato annuo eccede le 79.000 sterline inglesi altrimenti può essere richiesta in modo facoltativo. L’aliquota ordinaria IVA è il 20% dal Gennaio 2011.

Il Regno Unito ha anche ratificato accordi contro le doppie imposizioni fiscali con un gran numero di Paesi esteri, tra cui l’Italia. La costituzione di una limited company nel Regno Unito  può essere il trampolino di lancio verso i mercati europei e del Commonwealth, godendo dei vantaggi che la legislazione pro-business può fornire alle strart-up.

I vantaggi di una “Limited Company” in Regno Unito sono i seguenti:

  • Costituzione e successive operazioni non hanno bisogno di notai o commercialisti o avvocati.
  • Costituzione entro 24 ore.
  • Costituzione per via telematica.
  • E’ necessario versare 0,01 euro a titolo di capitale sociale.
  • La “Limited Company” può possedere quote di società italiane e viceversa.
  • Burocrazia minima.
  • Presenza fisica del cliente in Regno Unito solo per apertura conto corrente bancario.
  • Conferimenti in natura senza perizia.
  • L’aliquota fiscale sull’utile d’esercizio è il 20%, la più bassa tra i Paesi G7.
  • Non esistono studi di settore.
  • Non esiste il concetto di società di comodo.
  • Le regole flessibili per i costi deducibili, purché inerenti all’attività economica.
  • Non paga IVIE (Imposta sul Valore degli Immobili all’Estero)
  • Non paga IRAP.
  • Non esistono “tasse concessioni governative”.
  • No al regime di indeducibilità dei costi da Paesi “black list”, se inerenti all’attività economica.
  • Esenzione partita IVA per un fatturato annuo, realizzato dalla Limited Company fiscalmente residente in Regno Unito, fino a 79.000 sterline inglesi.
  • Anonimato dei soci.
  • Anonimato dell’amministratore delegato.
  • Per la maggior parte delle attività economiche non esistono licenze, autorizzazioni, permessi ed altri impedimenti.
  • Mercato del lavoro più flessibile.
  • Leggi in materia del lavoro meno vincolanti per il datore di lavoro.
  • I soci possono essere residenti in Italia o altro Paese.
  • I soci che hanno subito, in Italia, fallimenti, protesti ed altri analoghi problemi possono gestire una limited company.
  • Sistema legale fondato sul Common Law.
  • Certezza del diritto.

Per maggiori informazioni clicca qui.

 

Segnalibro e Share